Come le condizioni di crescita influenzano il valore nutrizionale del silomais BMR

A cura di Bill Mahanna, Iowa State Univ. 

L'attenzione alla gestione agronomica dei campi BMR è fondamentale per minimizzare i possibili effetti negativi della stagione di crescita

Il silomais, sia nella tipologia convenzionale che in quella Brown Midrib (BMR), fornisce due importanti fonti energetiche per l’alimentazione dei ruminanti: l’amido e la fibra digeribile. La tendenza negli ultimi anni è di formulare diete con elevata inclusione di foraggi di qualità ed in particolare di silomais, questo per una maggior redditività e una semplicità di razionamento. Molte stalle da latte hanno già inserito il silomais BMR nelle loro strategie di coltivazione e alimentazione e mentre gli allevatori di vacche da latte devono gestire le interazioni fra stagioni di crescita e ibridi, i nutrizionisti non sempre riescono a ottenere risultati attesi dalle diete formulate e spesso accusano gli ibridi di una risposta in latte inferiore alle aspettative.

Quando si tratta di scegliere un ibrido per silomais, i diagrammi delle università e delle industrie sementiere dimostrano come le differenze genetiche tra ibridi (non BMR) per quanto riguarda la digeribilità della fibra (NDF) sono minime e comprese fra 3-4 punti percentuali. Questo è il motivo per cui Pioneer ha sviluppato e commercializza la genetica BMR. La maggior parte dei coltivatori e nutrizionisti ora si può rendere conto che la grande variazione in digeribilità dell’NDF (NDFD) osservata da una stalla all'altra e da stagione a stagione è principalmente il risultato di fattori ambientali come la quantità di precipitazione e di unità di calore. In generale le condizioni di asciutto, durante lo sviluppo della pianta, aumentano la digeribilità delle fibre mentre le condizioni umide migliorano la resa dell'intera pianta (piante più alte) ma tendono a ridurre la digeribilità delle fibre (Feedstuff, 14 giugno 2010).
Il grafico seguente mostra i dati di silomais alla Michigan State University raccolto nell’annata relativamente umida del 2006 rispetto agli stessi ibridi raccolti nella stessa località nella stagione più secca del 2007 (D. Bolinger, comunicazione personale, 2007). Gli ibridi nell'anno di siccità hanno avuto mediamente 6,5 punti in più in NDFD a 24 ore. È interessante notare che, come previsto, il valore di NDFD più elevato in entrambe le stagioni era un ibrido BMR, ma la genetica BMR non è immune all'effetto della crescita dell'ambiente.


Figura 1: L’ambiente di crescita influenza la digeribilità della fibra del BMR in modo molto simile agli ibridi convenzionali.


Importanza della sanità delle piante sulla qualità
I nutrizionisti iniziano a rendersi conto che, mentre le diete sono progettate in trincea, la resa e la qualità dell'insilato di mais sono determinate in campo. Nel 2017, gli allevatori e gli agronomi Pioneer hanno condotto prove di campo in oltre 100 località nel Wisconsin orientale. Le piante di mais sono state valutate durante tutta la stagione di crescita per sanità e poi analizzate al momento della raccolta (fra metà a tre quarti della linea latte della spiga). In fase di raccolta si sono analizzati i soli stocchi delle piante (togliendo quindi la spiga) al fine di studiare la digeribilità della fibra senza l'influenza dell'amido, dato che nello stover e nelle foglie è presente circa il 71% del NDF dell’intera pianta di mais (FN Owens, comunicazione personale, 2016). Più di 500 campioni sono stati inviati al laboratorio per l'analisi e i risultati spiegano la variabilità del profilo nutrizionale di insilati convenzionali e BMR:
1. Nei campi analizzati, quasi il 20% delle piante ha avuto una emergenza tardiva e scalare (entro 12-72 ore). Le piante emerse tardivamente sono risultate inferiori del 50% in amido e del 25% in NDF non digeribile (uNDF) rispetto alle piante emerse correttamente. Le pratiche di lavorazione del terreno e le prestazioni della seminatrice sono due aspetti infatti che possono avere un effetto significativo sull'emergenza irregolare delle piante. La capacità di effettuare ottime semine riducendo “la comparsa di stress “ è un primo passo quando si intende seminare un mais BMR.
2. È noto che le piante in carenza di azoto durante la fase di riempimento della spiga cannibalizzano i nutrienti del fusto per riempire la granella. La cannibalizzazione è evidente come deterioramento del fusto e delle foglie inferiori che tendono a seccarsi ed appaiono marroni e morte. Questo materiale vegetale deteriorato può ridurre la NDFD della pianta fino al’uno percento al giorno. Il materiale vegetale danneggiato è spesso anche il sito per lo sviluppo di muffe e possibile presenza di micotossine. La tabella mostra i dati dello stocco (pianta intera senza spiga) prelevati in due diversi campi BMR. Un campo aveva stocchi sani mentre l'altro stocchi danneggiati. Questi due foraggi BMR dovrebbero essere essere integrati in razione in modo completamente diverso.


Uno studio sul campo del 2014 condotto dal Miner Institute (Cotanch, 2015) rafforza questi risultati, dimostrando che le foglie di mais colpite da gelata e poi infettate da funghi avevano sei punti percentuali in meno di NDFD di 30 ore e cinque punti in più di uNDF rispetto alle foglie verdi e sane.


Figura 2: Ibridi stressati nelle sei file centrali circondati da ibridi più resistenti alle malattie


Contenuto in amido e digeribilità
Le condizioni di sviluppo e di sanità delle piante nei singoli appezzamenti, influenzano il contenuto di amido del silomais. Per gli alimentaristi è molto importante poter disporre di ibridi con un elevata percentuale di amido per formulare razioni adatte a bovine molto produttive e le mancate aspettative prestazionali della mandria, potrebbero essere correlate alla digeribilità dell'amido ruminale. Gli bridi BMR attuali hanno mostrato una digeribilità dell'amido ruminale a sette ore uguale o forse maggiore rispetto agli ibridi convenzionali (F.N. Owens, comunicazione personale, 2015). La combinazione di amido più elevato nelle piante sane e maggior digeribilità dell'amido ruminale introduce un'altra variabile che i nutrizionisti devono considerare nelle diete ad alta inclusione del BMR. L'insilato di BMR aumenta la digeribilità dell'amido durante la conservazione in trincea, nelle stesse percentuali degli ibridi convenzionali.

Fermentrics
L'esempio sottostante mostra due report di Fermentrics (laboratorio di analisi canadese) che riassumono le differenze in qualità fra insilati BMR. Questi differivano per ambiente di coltivazione e sanità alla raccolta. La pianta malata, in basso a destra, ha meno amido, un tasso di digeribilità più lento sia dell'amido (- 17% all'ora) che della fibra (- 5,2% all'ora) rispetto al materiale sano, in alto a sinistra, che evidenzia un 8 % in più di amido, un tasso molto più rapido di digeribilità ruminale dell'amido (33% all'ora) e un tasso di digeribilità NDF leggermente più veloce (5,9% all'ora). Questi due insilati BMR dovrebbero essere gestiti in razione in modo differente.


Figura 3: report di due silomais BMR che differiscono per caratteristiche di Fibra e di Amido dovute a differenti ambienti di crescita e sanità di pianta 


Conclusione
Il detto che “le diete sono progettate in trincea, ma la resa e la qualità dell'insilato di mais si fanno sul campo “ dovrebbe rafforzare la collaborazione fra allevatori e nutrizionisti. L'insilato di BMR è un alimento per vacche ad elevata produzione ma la sua qualità (contenuto di amido e NDFD) è in funzione della genetica ibrida, della resistenza a patologie, delle condizioni di crescita e di maturità alla raccolta. L'attenzione ai punti di forza dell’ibrido BMR insieme a un’ottima gestione dell’agronomia contribuisce a ridurre al minimo i possibili effetti negativi della stagione di crescita. Una volta in trincea le sofisticate analisi di laboratorio aiuteranno gli alimentaristi a valorizzare al meglio la fibra, l’amido e i tassi di digeribilità di questo interessante foraggio.

Immagini


Campo BMR seminato in provincia di Cremona il 18 marzo 2020