Varietà di soia

SOIA

Selezioni dalla tabella la varietà di suo interesse per visualizzare la scheda Tecnico-Colturale.

PROFILO FISIOLOGICO DELLE SOIE PIONEER

Scarica il pdf

Il confronto nel profilo fisiologico delle varietà di soia permette di individuare le combinazioni tra le diverse varietà che assicurano una differenziazione ideale delle fasi fisiologiche più sensibili della pianta.
Per ciascuna varietà è indicata la durata della fase che va da inizio fioritura a inizio maturazione rispetto alla varietà di riferimento PT21T45. Per ogni varietà è, inoltre, evidenziato il periodo critico (PC), ossia lo stadio di sviluppo in cui uno stress idrico provoca le maggiori riduzioni di produzione e in corrispondenza del quale vanno programmate le eventuali irrigazioni.

La scelta di varietà con diverse epoche di fioritura è una strategia vincente che consente di:

  • avere almeno una varietà con la fase iniziale di fioritura collocata in un momento più favorevole all’allegagione, in termini di temperatura e di disponibilità idrica·       
  • permette di dilatare il periodo complessivo di fioritura, con conseguente diversificazione dei rischi (ad es. seminando PR9M10e PR92M22, si ha una dilatazione del periodo di fioritura di 6 giorni, aumentando quindi di circa il 15% il periodo complessivo di fioritura).
  • permette di diversificare il momento in cui cade il potenziale rischio idrico.

Per approfondire

AYT: Tecnologia di accelerazione delle rese

La superiorità produttiva delle soie Pioneer è il risultato di un avanzatissimo sistema di miglioramento genetico chiamato Accelerated Yield Technology™  o AYT™ (tecnologia di accelerazione delle rese), che utilizza tecniche di ultima generazione che includono la mappatura genetica, la selezione assistita da marcatori e la fenotipizzazione di precisione. L’AYT permette di identificare le combinazioni genetiche che offrono risultati produttivi superiori, mettendole a disposizione dei coltivatori in tempi più brevi rispetto ai metodi tradizionali di selezione.

Grazie a questo approccio è stato letteralmente possibile accelerare il guadagno genetico del processo di selezione, per ottenere in modo rapido nuove varietà più produttive, con ridotta variabilità della resa, migliore caratterizzazione agronomica e migliorata resistenza a stress e patologie, offrendo serie -o generazioni- di soia con caratteri via via superiori:

  • Serie M (PR92M10, PR92M22, PR92M35): caratterizzata da grande stabilità produttiva e superiorità dei parametri qualitativi della granella. 
  • Serie T (P21T11, P21T45): offre un incremento senza precedenti della potenzialità produttiva, con un ampio pacchetto di caratteri di difesa e diversificazione nella morfologia della pianta.
  • Serie A (P18A02): il più recente risultato dell’AYT di quarta generazione, focalizzato sul miglioramento di caratteri che aumentino l’idoneità delle piante all’ambiente in cui saranno coltivate. Ne risultano varietà più produttive, con ampio set di geni a difesa della coltura e in grado di dare il massimo nell’ambiente a cui sono destinate.

La rizobiatura in concia

RHIZOCOAT è la soluzione tecnica per semplificare la rizobiatura della soia. Il seme è pre-trattato con una miscela di microrganismi ed attivatori della crescita.

L’innovativa tecnologia di biologica alla base di Rhizocoat permette di migliorare l’interazione tra radici e batteri azotofissatori, con il risultato di offrire uno sviluppo dei noduli più rapido, che si traduce in un aumento della crescita radicale e del vigore di partenza della coltura.

Controlli della semente

Il seme racchiude i caratteri genetici della varietà e ne determina potenziale produttivo e stabilità agronomica. Tuttavia, la sua qualità rimane un elemento imprescindibile per assicurare i migliori livelli produttivi della coltura: da essa dipendono la germinabilità, il vigore e la capacità di svilupparsi anche in condizioni non ottimali. 

Specialmente nel caso della soia, coltura soggetta a pericolose patologie trasmesse per seme, la sanità delle piante dipende dalla qualità della semente. Proprio alla qualità del seme che produciamo dedichiamo la massima attenzione, selezionando oculatamente gli ambienti di coltivazione e affiancando ai processi di selezione meccanica i più severi controlli qualitativi e sanitari presso i nostri laboratori. L’obiettivo di Pioneer in questo frangente è quello di favorire la soddisfazione di ogni agricoltore offrendogli opportunità di successo e redditività.

L’impiego di seme di soia di alta qualità è la base più solida per raggiungere grandi traguardi produttivi.

Qualità e tracciabilità per la filiera alimentare

La nascita di filiere alimentari ad alto valore è un fattore premiante per produzioni nazionali che si distinguano per qualità e sostenibilità. Pioneer si è quindi impegnata a mettere gli agricoltori nelle condizioni di sfruttare pienamente queste due opportunità, grazie a prodotti e servizi che aiutino a raccogliere un prodotto che soddisfi le esigenze dei diversi mercati, con soluzioni valide sia per l’agricoltura convenzionale che per quella biologica.

I ricercatori Pioneer sono impegnati a sviluppare varietà di soia con caratteristiche specifiche per le diverse destinazioni d’uso, caratterizzando e selezionando le varietà secondo gli stessi criteri adottati dai diversi segmenti dell’industria della trasformazione. Le proprietà organolettiche e nutrizionali delle soie Pioneer, come il contenuto in saccarosio, il tenore proteico, il profilo aminoacidico e il contenuto in olio, rispondono quindi alle richieste dei più esigenti trasformatori: un’opportunità in più per i coltivatori, che possono valorizzare le proprie produzioni in filiere ad alta specializzazione.

Pioneer è la società che per prima ha investito nello sviluppo di varietà per i segmenti della qualità, unendo alle eccellenti performance agronomiche e produttive, tipiche delle varietà Pioneer, uno speciale profilo nutrizionale delle produzioni. PR91M10 e P21T11 rappresentano la più grande innovazione degli ultimi anni per il mercato Italiano, con un alto contenuto proteico e caratteristiche fisiche e chimiche della granella che ne fanno i principali riferimenti di mercato per l’industria alimentare.

Un ulteriore valore aggiunto per i coltivatori di soia Pioneer è quello della tracciabilità del seme. La semente di soia Pioneer prodotta in Italia ha infatti ottenuto la certificazione di tracciabilità di filiera, in conformità alla normativa 22005:2008. Questa ulteriore garanzia di qualità offre un’opportunità di collocare il prodotto sulle filiere alimentari del “Made in Italy”, che ambiscono a portare maggiore valore alle produzioni sia in sul mercato italiano che all’estero.